Anatocismo, ripartono i contenziosi

Pubblicato giovedì 05 aprile 2012 da Massimo Lanzilotti in: Aggiornamenti

Anatocismo i passaggi della vicendaCon sentenza n. 78 del 5 aprile 2012, la Corte Costituzionale, ha dichiarato l’illegittimità del decreto “mille proroghe” dell’anno scorso, nella parte in cui, con una norma estremamente favorevole alle banche, forniva una interpretazione autentica della norma sulla prescrizione (art. 2935 codice civile) e nel dettaglio, la prescrizione del diritto del correntista a contestare l’addebito di interessi su interessi comincia a decorrere dalla data di chiusura del conto e non dalla data in cui viene annotato l’addebito degli interessi.

La disposizione riduceva la possibilità di ottenere un rimborso da parte dei correntisti che reclamavano l’illegittimità di quanto fatto pagare dagli istituti di credito per la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi.

Secondo la Corte, l’efficacia retroattiva della deroga rendeva asimmetrico il rapporto contrattuale di conto corrente perché, retrodatando il decorso del termine di prescrizione, finiva per ridurre irragionevolmente l’arco temporale disponibile per l’esercizio dei diritti nascenti dal rapporto stesso, in particolare pregiudicando la posizione giuridica dei correntisti che, nel contesto giuridico anteriore all’entrata in vigore della norma denunziata, abbiano avviato azioni dirette a ripetere somme ai medesimi illegittimamente addebitate.

Sussisteva, dunque, la violazione dell’art. 3 Cost., perché la norma censurata, facendo retroagire la disciplina in esso prevista, non rispettava i principi generali di eguaglianza e ragionevolezza.

L’attesa è finita e finalmente ripartono tutti i contenziosi non solo, di tutti quei correntisti che avevano delle cause in corso al momento dell'entrata in vigore del c.d. decreto ‘mille proroghe’, ma anche di tutti coloro che intendono promuovere una azione giudiziale per far valere i propri diritti ed ottenere, ove ne sussistano i presupposti, la restituzione del mal tolto da parte delle banche.

Prima dell'entrata in vigore della norma, finalmente dichiarata illegittima, numerose sono state le vittorie giudiziali dei correntisti che hanno comportato la restituzione di quanto illegittimamente percepito da parte delle Banche ed oggi, grazie alla sentenza della Corte Costituzionale, tantissimi altri correntisti potranno agire in giudizio per far valere i propri diritti.

 

LM Lab è un team di professionisti che, da oltre dieci anni e su tutto il territorio nazionale, svolge attività di consulenza strategica e controllo di gestione finanziaria. Nel dettaglio ci occupiamo del rapporto Banca-Impresa, di analizzare e risolvere tutte le problematiche che ogni azienda incontra nella sua vita d'impresa con il sistema bancario.


Via C. Alberto 11, 72012 Carovigno BR
tel 0831 095168
fax 0831 1810995
mail info@lmlab.it
web www.lmlab.it